Il Fiume di Sparta: storia e caratteristiche dellEurota

(gr. Εὐρώτας) Fiume (lunghezza 96 km) della Grecia meridionale (Peloponneso), chiamato oggi anche Iri o Iris. Nasce nella regione di Belmina, scorre fra le catene del Taigeto (gr. Ταΰγετος e Ταΰγετον) e del Parnone, attraversa la parte centrale della pianura di Sparta e sfocia nel Golfo di Laconia, una regione storica e provincia del Peloponneso, di cui abbraccia l’estremità sud-orientale (4132 kmq.). La sua unità naturale le viene dalla netta delimitazione con cui i confini fisici la isolano dal resto della penisola.

Il fiume di Sparta, noto anche come Euròtas, è lungo 96 km ed è situato nel Peloponneso meridionale, in Grecia. Oggi è chiamato anche Iri o Iris. Il fiume nasce nella regione di Belmina e scorre tra le catene montuose del Taigeto e del Parnone. Attraversa la parte centrale della pianura di Sparta e sfocia nel Golfo di Laconia, che è una regione storica e provincia del Peloponneso. La Laconia si estende per oltre 100 km tra la Messenia e la Laconia, con direzione prevalente NOSE, ed è delimitata a est dalla profonda valle dell’Eurota e a ovest dalla bassura messenica.

Il Taigeto, noto anche come Pentadattilo, è una catena montuosa della Grecia che si estende per oltre 100 km tra la Messenia e la Laconia. La sua altezza massima è il Monte Sant’Elia, che raggiunge i 2407 metri. La catena del Taigeto delimita la pianura di Sparta a est, mentre il Parnone la delimita a ovest.

La pianura di Sparta è attraversata dal fiume Euròtas, che scorre nella parte centrale della regione. La pianura di Sparta è una delle principali unità naturali della Laconia, e viene delimitata in modo netto dai confini fisici che la separano dal resto della penisola del Peloponneso.

Dove si trova Sparta adesso?

Sparta è una città storica situata nel Peloponneso meridionale, nella regione della Laconia, in Grecia. La città si trova su uno sfondo di colline lussureggianti, sulla destra del fiume Eurota. È circondata dai rilievi del Parnone a est e del Taigeto a ovest.

Con una posizione geografica privilegiata, Sparta ha una storia ricca e affascinante. Fondata nell’antichità, la città divenne uno dei principali centri della civiltà greca. Gli Spartani, noti per la loro disciplina militare e la loro forza fisica, hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia dell’antica Grecia.

Oggi, Sparta è una destinazione turistica popolare per coloro che sono interessati alla storia e alla cultura greca. I visitatori possono esplorare i resti archeologici della città antica, tra cui il celebre teatro di Sparta e le rovine del tempio di Artemide Orthia. Ci sono anche diversi musei che raccontano la storia di Sparta, come il Museo Archeologico di Sparta e il Museo della Guerra di Sparta.

La città moderna di Sparta offre anche una varietà di attrazioni e servizi ai visitatori. Ci sono molti ristoranti e caffè dove si possono gustare le specialità locali, come la famosa zuppa di lenticchie di Sparta. Inoltre, ci sono numerose opzioni di alloggio, tra cui hotel e case vacanza, per coloro che desiderano trascorrere più tempo nella città.

In conclusione, Sparta è una città affascinante che unisce la storia antica con le comodità moderne. Con i suoi paesaggi mozzafiato, i siti storici e l’ospitalità greca, Sparta è una meta imperdibile per i viaggiatori che desiderano immergersi nella ricca cultura e storia della Grecia.

Cosa resta oggi di Sparta?

Sparta, una volta una potente città-stato nell’antica Grecia, è oggi ridotta a ruderi. Situata nel Peloponneso meridionale, Sparta era il capoluogo della Laconia e si trovava sulle rive del fiume Eurota. La storia di Sparta è ricca di rivalità con la città di Atene, che culminò nella guerra del Peloponneso nel V secolo a.C. Nonostante la sua fama militare e politica, Sparta perse gradualmente il suo potere nel corso dei secoli e alla fine fu inglobata nell’Impero romano.

Oggi, ciò che rimane di Sparta sono le rovine delle sue antiche strutture. I visitatori possono ancora ammirare le fondamenta dei templi, dei teatri e delle case degli antichi spartani. Uno dei siti più importanti è l’Acropoli di Sparta, che una volta ospitava i principali edifici pubblici e religiosi della città. Altri luoghi di interesse includono il Teatro Antico, che poteva ospitare fino a 16.000 spettatori, e il Santuario di Artemide Orthia, dedicato alla dea della caccia.

Nonostante la sua importanza storica, le rovine di Sparta non attraggono un gran numero di visitatori come altre antiche città greche, come Atene o Delfi. Tuttavia, per gli appassionati di storia e per coloro che sono affascinati dalla vita degli antichi spartani, una visita a Sparta può essere un’esperienza interessante. Le rovine offrono una finestra sulla vita quotidiana della città e sul suo sistema politico e militare unico.

Cosa rimane dellantica Sparta?

Cosa rimane dellantica Sparta?

Della vecchia Sparta rimane l’Acropoli, l’area religiosa e amministrativa della città sin dall’VIII secolo a.C. Questo sito archeologico è un importante testimone dell’antica civiltà spartana ed è stato preservato nel corso dei secoli. L’Acropoli ospitava diversi edifici sacri, tra cui il tempio di Atena Chalkioikos, il tempio di Zeus Ammon e il tempio di Artemide Orthia. Questi templi erano luoghi di culto e offrivano ai cittadini spartani l’opportunità di venerare le divinità e partecipare a cerimonie religiose.

Oltre all’Acropoli, ci sono anche altre tracce dell’antica Sparta che sono state conservate. Ad esempio, le mura cittadine, costruite nel IV secolo a.C., possono ancora essere ammirate in alcuni punti. Queste imponenti mura difensive proteggevano la città dagli attacchi esterni e mostrano la preoccupazione degli Spartani per la sicurezza e la difesa.

Un’altra testimonianza dell’antica Sparta è data dal teatro antico, che era situato fuori dalle mura cittadine. Questo teatro, che poteva ospitare fino a 15.000 spettatori, era il luogo in cui si svolgevano le rappresentazioni teatrali e le competizioni di danza e musica. Oggi, le rovine del teatro antico sono ancora visibili e offrono un’idea di come fosse la vita culturale nella Sparta antica.

Inoltre, alcuni reperti archeologici e oggetti d’arte che appartenevano all’antica Sparta sono conservati nei musei di Sparta e di altre città greche. Questi oggetti, come sculture, ceramiche e monete, forniscono ulteriori informazioni sulla vita quotidiana, la cultura e l’arte degli Spartani.

In conclusione, nonostante il passare dei secoli, alcune tracce dell’antica Sparta sono ancora visibili oggi. L’Acropoli, le mura cittadine, il teatro antico e i reperti archeologici ci permettono di immergerci nella storia di questa potente città greca e di apprezzarne la ricca cultura e l’importante eredità.

Torna su