Qual è il tasso di fallimento? Definizione ed esempi

Il tasso di errore si riferisce alla frequenza con cui qualcosa si guasta, come un componente o un sistema. Di solito lo esprimiamo in guasti per unità di tempo, cioè guasti per ora, giorno, settimana, ecc. Il termine è comune nell'ingegneria dell'affidabilità. Nell'ingegneria dell'affidabilità e in molti altri settori, la lettera greca (lambda) significa tasso di guasto.

I tassi di guasto dei sistemi o dei componenti variano durante la loro vita. In genere, le tariffe diminuiscono quando le persone rilevano e risolvono i problemi. Tuttavia, alla fine aumentano a causa del deterioramento.

Tra la fase iniziale e quella finale, i tassi di guasto sono generalmente costanti.


Età del tasso di fallimento

Un tasso di guasti di sistemi o prodotti in genere dipende dal tempo. Il tasso varia durante il suo ciclo di vita. Non confondere il ciclo di vita in questo contesto con il ciclo di vita del prodotto. Il termine ciclo di vita del prodotto si riferisce alle quattro fasi che i prodotti attraversano durante la loro vita commerciale. Il ciclo di vita del prodotto è un termine di marketing.


I termini tasso di guasto istantaneo e tasso di rischio hanno lo stesso significato di tasso di guasto.


I tassi di guasto delle automobili, ad esempio, sono molto maggiori durante il decimo anno rispetto al primo o al secondo anno.

Non ti aspetti di sostituire un nuovo tubo di scarico per auto, ad esempio, nel suo primo o secondo anno. D'altra parte, ti aspetti guasti se la tua auto ha dieci anni.

Tempo medio tra i fallimenti

In pratica, la maggior parte delle persone segnala il tempo medio tra i guasti (MTBF, 1/) piuttosto che il tasso di guasto. Questo è particolarmente vero per componenti o sistemi di alta qualità.

Riguardo al tempo medio tra i fallimenti, Wikipedia scrive:

Ciò è valido e utile se il tasso di guasto può essere assunto costante, spesso utilizzato per unità/sistemi complessi, elettronica ed è un accordo generale in alcuni standard di affidabilità (militari e aerospaziali).


Tasso di fallimento delle piccole imprese

Negli ultimi cinquant'anni, ci sono stati molti studi sulle possibilità di sopravvivenza o di fallimento di aziende nuove o piccole. I tassi di fallimento delle piccole imprese si riferiscono alla percentuale di aziende che falliscono in periodi specifici.

Secondo un articolo del 1996 di John Watson e Jim Everett, gli studi avevano mostrato una relazione inversa tra le dimensioni dell'azienda e il rischio di fallimento.

Il Journal of Entrepreneurial Finance ha pubblicato l'articolo di Watson e Everetts Tassi di fallimento delle piccole imprese: scelta della definizione e effetto dimensione.

Gli autori, dell'Università dell'Australia occidentale, tuttavia, hanno sottolineato che i tassi di fallimento riportati dipendevano fortemente dalla definizione di fallimento degli autori dello studio.

Amministrazione delle piccole imprese

Secondo la Small Business Administration (SBA) , il trenta per cento delle nuove aziende non dura più di due anni. In altre parole, il tasso di fallimento per le nuove società è del 30% a 24 mesi dall'apertura.

L'SBA aggiunge che i tassi di guasto continuano ad aumentare nel tempo. Ad esempio, durante i primi cinque anni, il cinquanta per cento delle nuove aziende fallisce. Il 66% fallisce entro un decennio.

Infatti, solo un quarto, ovvero il 25%, delle aziende raggiunge i quindici anni.


Video Tasso di fallimento in medicina

Gli operatori sanitari usano spesso il termine tassi di fallimento. In questo video, il Dr. David Hanscom e il Dr. Mark Owens parlano dei tassi di fallimento della fusione della colonna vertebrale.

La maggior parte dei medici non raccomanderebbe la fusione spinale ai membri della famiglia perché ha un tasso di fallimento del 75%.


Torna su