Teoria dell’organizzazione – Definizione e significato

Teoria dell'organizzazione o teoria dell'organizzazione esamina le relazioni tra le organizzazioni e il loro ambiente. Esamina anche gli effetti di tali relazioni sul funzionamento delle organizzazioni. È lo studio delle strutture e dei progetti organizzativi, nonché del comportamento di tecnocrati e manager nelle organizzazioni. La teoria dell'organizzazione suggerisce anche come le organizzazioni potrebbero essere in grado di far fronte ai rapidi cambiamenti.

In poche parole; La teoria dell'organizzazione è tutto ciò che riguarda le organizzazioni. Nella teoria dell'organizzazione, l'obiettivo è comprendere le organizzazioni e migliorarle.

Esistono diverse teorie sull'organizzazione, tra cui la divisione del lavoro, la teoria burocratica e la prospettiva del sistema razionale. La teoria contingente è anche una teoria dell'organizzazione.

Secondo SmallBusiness.Chron.com :

Le teorie organizzative affrontano tutte diverse domande principali su come funziona un'azienda. Presumono che un'organizzazione abbia struttura, obiettivi e membri, ma si concentrano sull'efficienza delle organizzazioni.

Possiamo utilizzare le teorie che corrispondono agli obiettivi di un'organizzazione, al suo personale e al suo ambiente aziendale.

Teoria dell'organizzazione classica

La teoria dell'organizzazione classica emerse alla fine del XIX secolo. È emerso nel settore privato e anche nella necessità di una migliore amministrazione pubblica nel settore pubblico.

Entrambi gli sforzi erano incentrati sulle teorie dell'efficienza. L'efficienza consiste nell'ottenere il massimo dalle risorse disponibili.

La teoria dell'organizzazione riguarda l'esame delle organizzazioni e il loro miglioramento.

Max Weber (1864-1920) ha profondamente influenzato la teoria sociale e la ricerca sociale durante il primo quarto del XX secolo. Weber è stato un filosofo, giurista, sociologo ed economista politico tedesco.

In effetti, molti sostengono che Weber sia stato uno dei fondatori della sociologia, insieme a Karl Marx e Mile Durkheim.

La teoria classica rappresenta la fusione di teoria amministrativa, teoria burocratica e teoria della gestione scientifica.

Frederick Taylor (1856-1959) sviluppò la teoria della gestione scientifica all'inizio del XX secolo. In effetti, molte persone lo chiamano taylorismo.

La teoria di Taylor aveva quattro principi:

  1. Trova il modo migliore per fare qualcosa. In altre parole, il modo migliore per svolgere ogni compito.
  2. Abbina attentamente ogni dipendente a ogni attività.
  3. Supervisionare i lavoratori da vicino. Dovresti usare la punizione e la ricompensa come motivatori.
  4. Il compito di gestione è la pianificazione e il controllo.

Taylor era un ingegnere meccanico americano che cercava modi per migliorare l'efficienza industriale. È stato uno dei primi consulenti di gestione al mondo.

Inizialmente, la teoria classica era estremamente popolare. Tuttavia, nel tempo, un numero crescente di critici si è lamentato che fosse troppo autorevole e rigido.

In poche parole; La teoria organizzativa classica si concentrava troppo sulla struttura e sulle ricompense economiche. I critici hanno anche ignorato la libertà individuale e l'ambiente di lavoro.

Prospettiva del sistema razionale

Il sistema razionale descrive le organizzazioni con obiettivi prefissati e regole formali. Si concentra sulla struttura normativa delle organizzazioni. Normativo significa relativo a uno standard valutativo, cioè se qualcosa è normativo possiamo valutarlo.

In un articolo sul Case Studies Journal , il dottor Sirajul Haque ha scritto che secondo la prospettiva del sistema razionale:

Le organizzazioni sono collettivi orientati al perseguimento di obiettivi relativamente specifici e che esibiscono strutture sociali altamente formalizzate.

Divisione del lavoro

La divisione del lavoro è una teoria organizzativa. Implica la separazione dei compiti in modo che le persone possano specializzarsi. In effetti, non solo le persone sono specializzate, ma anche gruppi, aziende ed entità molto più grandi.

Persone, organizzazioni e persino interi paesi sono naturalmente specializzati o acquisiscono capacità specializzate.

Un'organizzazione può disporre di attrezzature che le consentono di specializzarsi. Un paese, d'altra parte, potrebbe disporre di risorse naturali oltre che di competenze e formazione.

La divisione del lavoro è la ragione principale del commercio tra le nazioni. Essa è, infatti, la fonte dell'interdipendenza economica.

Torna su